mercoledì 21 novembre 2007

Zefiro

Dolce ma pur sempre vento.
Non spezzo alberi
non scalfisco rocce
non agito mari.
Ma muovo foglie
sposto sabbia.
E' dolce il mio tocco
al dissertarti.
Zefiro è il mio nome
non scordarlo
e quando la mia mano
delicata sfiora il tuo viso
e rinfranca la tua fronte
impresso avrai il mio essere.

1 commento:

  1. Veramente bella e profonda.
    Continua cosi!

    BRAVO!!!

    RispondiElimina